troppe domande, troppo qualcosa

predisposizione ad accogliere, certamente.
ma come conoscere i limiti di questo accoglimento?
quali tempi rispettare e quanti passi e rumori?
dedicarti una musica o pensarti con in testa il cappello della foto,
certamente.
poi dualizzare l’intenzione per nascondere l’oggetto:

noi parliamo molto
noi parlavamo molto

Amleto, tutte queste cose “sembrano” perché appartengono alle azioni che un uomo può contraffare?

di un colore

e mi veniva di starti lontana,
una forma di protezione al dolore successivo,
una placca di metallo sul corpo,
un abito che scalda inverni nella città vecchia e dopo il ponte,
dal ponte girarsi per vedere i signori Hötorget
(buildings)
i colori di giornata della città di stoccolma
richiesti con un clic:
oggi mi sento viola,
oggi mi sento verde,
oggi mi sento blu.

mi censuro perché permette di raccogliermi
di trovare scarti
e di pensarti
molto a lungo.