vedi fase theta del sonno

la signora fratti riceveva ogni mercoledì e non sapevi chi ci avresti trovato. quel giorno il dottor strauch sedeva nel salottino sotto la prima alzata della libreria, sedeva avvolto dall’odore del sigaro che portava alla bocca quando non parlava, lo masticava intanto che ascoltava la signora fratti: e poi gli aerei su quel cielo privo di stelle si incrociavano sopra di noi segnandolo di strisce per nulla definitive: cos’era quel bianco che ci teneva col dito alzato e ci faceva gridare di delirio un altro e un altro ancora?
ricordo la luna e il palazzo più alto a est, ricordo che saliva dal silenzio di quei giorni. era la guerra.

[vedi anche lo stato ipnagogico nei film di warhol?]