(A volte Parigi)

Primo sbadiglio (sfogliando Emily)

I
Breve potente sensazione
quella del mendicare,
quel suono, vana
speranza di pietà,
favola, vergogna
e breve sogno.

II
Laccio, viaggio, odiandomi
chiuso, spento e rivoltoso
breccio lieve,
canzonato a volte,
sparso, perduto scorto
sorto dai rami, preludio
d’onda prematura,
nascosta.

III
Etereo disprezzo della morte?
Questa è moralità,
bravi, che l’anima scegliete ai vostri
compagni, veduti
partire in tanti, sognanti,
venir di pietra riforniti.

Secondo sbadiglio (sfogliando Federico)

I
Essì perché lei fa così:
porta porta porta,
poi si ferma, sempre a pagina tre
non osa spingersi nell’arena
quasi paurosa di battere la terra
in cerca di sonno
e il sonno non esisteva,
esitava,
trovandoci sudice piante, traverse
di letto, udito nell’urlo di lontano
spada e ritratto quadro,
sul muro piantato.